Discipula – Promise Areas

Nel solco di una ricerca che da anni indaga il ruolo delle immagini nel rapporto tra ideologia neoliberista e immaginario collettivo, con Promise Areas il collettivo Discipula porta la propria attenzione, e quella del pubblico, sul settore immobilitare di lusso internazionale. Le immagini prese in esame in Promise Areas sono rendering pubblicitari prodotti e utilizzati

Senza nuvole

I Musei Civici e l’Amministrazione comunale di Bassano del Grappa sono lieti di presentare Senza nuvole, mostra che ha per protagonisti due artisti del territorio, Alberto Scodro (Marostica, 1984) e Silvano Tessarollo (Bassano del Grappa, 1956). L’esposizione, a cura di Chiara Casarin con Elena Forin, è allestita in Galleria Civica dal 14 marzo 2020. Il

Migrating Objects. Arte dall’Africa, dall’Oceania e dalle Americhe nella Collezione Peggy Guggenheim

“Mi ritrovai orgogliosa proprietaria di dodici fantastici [artefatti]: si trattava di maschere e sculture della Nuova Guinea, del Congo Belga, del Sudan Francese, del Perù, del Brasile, del Messico e della Nuova Irlanda” – Peggy Guggenheim, Una vita per l’arte Migrating Objects. Arte dall’Africa, dall’Oceania e dalle Americhe nella Collezione Peggy Guggenheim mette in luce

Ezio Gribaudo – Itinerari: New York, Venezia, Torino

La mostra ripercorre un itinerario dell’artista che tocca tre tappe principali del suo lavoro, attraverso i luoghi che hanno caratterizzato il suo percorso professionale: New York, Venezia, Torino. Saranno esposti dipinti, documenti e fotografie che ripercorrono la carriera di questa figura poliedrica e le opere degli artisti che Gribaudo ha incontrato in questo particolare periodo

Igor Skaletsky – Sogno e Surreale

Il Museo ebraico di Venezia domenica 16 febbraio alle ore 12.00 inaugurerà la mostra Sogno e Surreale dell’artista Igor Skaletsky, che resterà aperta al pubblico fino al 17 maggio. Il Museo propone la personale nel periodo in cui cade Purim, la più gioiosa fra le Festività ebraiche che, fra i molti e complessi significati, lascia

Douglas Kirkland

Douglas Kirkland, a soli 24 anni, nel 1961 immortala Marilyn Monroe ricoperta solo da lenzuola bianche e desta l’attenzione del mondo. Sei mesi dopo l’icona di un’epoca sarebbe scomparsa. Il leggendario servizio fotografico entrò a far parte della storia. Il Centro Culturale Candiani, in collaborazione con Photo Op, inaugurerà sabato 15 febbraio alle ore 17

Giulio Malinverni – Lo sguardo di Giano

Marignana Arte ospita Lo sguardo di Giano, personale di Giulio Malinverni, negli spazi della propria project room. La mostra, curata da Daniele Capra, raccoglie una selezione di lavori recenti dell’artista su tela, velluto e ardesia. Il titolo fa riferimento alla presenza, nell’opera di Malinverni, tanto di generi pittorici e situazioni iconografiche che appartengono alla storia

Jacques Henri Lartigue – L’invenzione della felicità. Fotografie (rinviata x Coronavirus)

La Casa dei Tre Oci di Venezia ospita la più ampia retrospettiva mai organizzata in Italia, dedicata al fotografo francese Jacques Henri Lartigue (1894-1986). L’invenzione della felicità, curata da Marion Perceval e Charles-Antoine Revol, rispettivamente direttrice e project manager della Donation Jacques Henri Lartigue, e da Denis Curti, direttore artistico della Casa dei Tre Oci,

Anthony Corner – Lamentation, Flux and an Empty Bladder

Dopo 3 anni dalla sua prima mostra a Venezia, il pittore inglese Anthony Corner ritorna in città con un nuovo consistente corpo di lavori per la mostra Lamentation, Flux and an Empty Bladder, dal 22 febbraio al 26 aprile 2020 presso lo spazio espositivo SPARC*- Spazio Arte Contemporanea. Il titolo della mostra sicuramente anticipa al

Visioni dell’inferno. Gustave Doré, Robert Rauschenberg, Brigitte Brand

VISIONI DELL’INFERNO propone la rievocazione della prima Cantica dantesca affidata a tre artisti internazionali, uno per ciascuno degli ultimi tre secoli. L’Inferno in versione ottocentesca non poteva che essere quello, universalmente noto, del francese Gustave Doré, di cui in mostra sarà l’intero corpus di 75 tavole. Per evocare l’Inferno in versione novecentesca, sono state riunite

 

Want to add an event?

Don’t hesitate to contact us, we’ll be glad to receive your request.